Un libro per regalo.

C'è un solo modo per mettere un viaggio, un sogno, una risata e un momento in famiglia in un unico dono: regalare un libro.
(Ok, non è vero: si potrebbe anche regalare viaggio da sogno per quattro persone in un posto divertente, ma poi diventa un po' difficile non finire fuori budget.)



Ecco perché ho pensato di preparare una piccola guida ai libri più belli da regalare (secondo la mia personalissima opinione) per ogni fascia di età. 
È una raccolta dei migliori libri di cui vi ho parlato nel blog in questi anni, con qualche "bonus" in più.
Eccoli qua:

Dai primi mesi al secondo anno

Guarda che faccia!

Il volto umano è una delle prime cose che i bimbi riconoscono, e per questo la galleria fotografica di volti ed espressioni di Guarda che faccia! è perfetta: i bimbi adorano guardarla e sfogliarla, e guardare la vostra espressione mentre leggete.
Ne avevo parlato qui, mentre qui spiegavo qualche trucco per leggere ai bimbi più piccoli.
Adatto per i primissimi approcci al libro (da due-tre mesi).

Facciamo le facce
Analogo al precedente: una faccia per pagina.
Se Guarda che faccia! abbinava una parola o un'onomatopea ad ogni espressione, qui c'è invece una filastrocca in rima. E nell'ultima pagina, uno specchio per guardare le proprie espressioni.

L'uccellino fa...

Un grande classico della primissima infanzia, L'uccellino fa... è composto da tantissime pagine che presentano una figura a destra e un verso o un rumore a sinistra. Si va dagli abbinamenti più scontati (animale-verso) a quelli più curiosi (la presa elettrica fa: ""NO!").
La struttura del libro "obbliga" la mamma a recitarlo e a fare versi sciocchi, che i bimbi adorano.
È perfetto da leggere dai primi mesi, ma verrà apprezzato a lungo (da tre mesi fino a due anni).
Anche in questo caso ne avevo parlato qui e qui, insieme agli altri libri per i primi mesi,ma la recensione più approfondita l'ho fatta qui.

Gnam! A me piace...

Come tutti i libri con le finestrelle di Yusuke Yonezu, anche Gnam! A me piace... è delizioso nella sua semplicità. Disegni originali nello stile e ben definiti, piccoli animaletti simpatici che compiono gesti semplici e un formato cartonato, così i bimbi possono giocare tranquillamente con le finestrelle.
Si può leggere da subito, verrà apprezzato di più per le sue caratteristiche dagli otto-nove mesi.
E anche di Yonezu, avevo parlato qui dando consigli per la lettura qui.


Dieci dita alle mani, dieci dita ai piedini
È una filastrocca che racconta di tanti bimbi diversi tra loro, provenienti da tutte le parti del mondo, ma accomunati dal fatto che "si sa, come tutti i bambini, hanno dieci dita alle mani e dieci dita ai piedini" (in inglese Ten Little Fingers and Ten Little Toes).
Apprezzatissimo fin dai primi mesi, per le rime, la ripetitività del testo e la sua musicalità, ma soprattutto perché mentre si legge si possono fare carezze e scherzetti a manine e piedini. Così il bimbo si gode le coccole della mamma mentre impara a riconoscere due parti del suo corpo.
Ne ho parlato più approfonditamente qui.
Un libro adatto fin dalle prime letture, da due-tre mesi.

Whisky il ragnetto

Una canzoncina amatissima dai bimbi, illustrata in un libretto cartonato, facile da maneggiare, per scoprire come musica, testo e immagini (oltre ai gesti della mamma) possono raccontare una storia tutte insieme. Per far appassionare ai libri anche i bimbi meno attenti.
Il libro è accompagnato dal CD con la canzoncina e ne ho parlato qui.

Ninna nanna ninna mamma

La filastrocca perfetta per far scoprire ai piccolsissimi che la voce di mamma racconta cose meravigliose. Colori allegri e contorni decisi, rime con un ritmo cadenzato e tanta fantasia.
Ne ho parlato qui.

I Carezzalibri Usborne: "Dov'è il mio..."
Cos'hanno di speciale i Carezzalibri Usborne? Non sono un "libro dizionario", con un mero elenco di cose etichettate da una parola, ma contengono delle narrazioni minime (delle "protostorie", tecnicamente), con delle frasi semplici e una sequenzialità: praticamente un'introduzione alle storie vere e proprie. In più, come in tutti i libri tattili, ci sono gli inserti in vari materiali (velluto, peluche, plastica ecc), da toccare con le dita.
Qui ho parlato dei nostri Carezzalibri: Dov' il mio drago e Ruspe.
I carezzalibri sono cartonati, resistenti, facili da maneggiare, perfetti dai sette mesi fino ai due anni


Il Natale e tutta la collana Scorri e gioca di Gallucci Editore.
Se cercate un libro a tema Natale per i più piccoli, questo è perfetto. Non solo per le figure semplici e per i curiosi meccanismi pop-up (l'albero che si decora, i pacchetti che si aprono), ma anche per la sua resistenza. Tutta la collana di Gallucci ha pagine cartonate spesse e le linguette per le animazioni sono inserite all'interno della pagina stessa, così è impossibile strapparle. Noi abbiamo anche La casa.
Scopritelo meglio qui.
Da 1 a 2 anni.

Morsicotti

Quanto amo "Morsicotti"! È un libro tutto pieno di coccole, suoni, animali e gesti. E in più, insegna i versi degli animali e le parti del corpo.
C'è un topolino che chiede al bimbo che reazione avrebbe di fronte a un suo gesto, e il bimbo risponde con un verso di animale (legato alla parte del corpo nominata). Insomma: non è solo un libro (peraltro divertentissimo da leggere), ma un'occasione per riempire di coccole e solletico il vostro bimbo.
Ne avevo parlato qui. Della stessa autrice e con gli stessi personaggi trovate anche Cucù. Di chi è questa manina?, di cui avevo parlato qui.
Perfetto da 1 a 2 anni.

Faccia buffa

Una storia semplice semplice, in cui a ogni evento corrisponde una reazione del protagonista, che esprime ciò che sente con un'espressione. È splendido come primo approccio al mondo delle emozioni e alla loto comunicazione. Ne avevo parlato qui.
Perfetto da 1 anno in poi, e anche per i "terrible two".

Le mani di papà

Le mani di papà sostengono, accompagnano, accarezzano. Finché un giorno il bambino non è pronto ad andare da solo, senza le mani di papà. Un albo dolce e commovente per i papà, con figure semplici e onomatopee per piacere ai più piccoli, da un anno.
L'ho raccontato qui (con un'idea per un biglietto per la festa del papà).


Mi piace Non mi piace Due libri cartonati, in formato adatto alle piccole mani di un "toddler", con illustrazioni che sembrano foto e piccoli gesti quotidiani: Quando mangio e Quando gioco, della collana Mi piace Non mi piace, hanno tutte le caratteristiche per piacere ai bimbi tra uno e due anni. Ne ho parlato qui.


Tutti i baci del mondo
In qualsiasi biblioteca personale, secondo me, non dovrebbero mai mancare i libri che invitano a fare le coccole. È un modo fantastico per rafforzare il legame tra il bimbo e il lettore e legare l'esperienza di lettura a una sensazione piacevole. Cosa c'è di meglio, allora, di una rassegna di tutti i bacini possibili? Scoprite la mia recensione qui e leggeteli da un anno in su (non che sia un libro adatto alla sue età, ma anche a cinque anni il Piccolo T la sua dose di "Tutti i baci del mondo" se la prendeva volentieri).

Papparappa

Un libro con un cd, per tante filastrocche in musica che ripercorrono momenti di gioco ma anche tappe della crescita del bambino (le prime pappe, i primi passi, lo "spannolinamento").
Per stimolare il bambino cantando, ballando e giocando, dai primi mesi a tre, quattro anni (ma anche il mio cinquenne lo ha apprezzato!).
Ne ho parlato qui.


Lupo Baldo e gli altri Bohemini

Con i suoi protagonisti in cui identificarsi (animali sì, ma che si comportano come bambini), i disegni semplici ma espressivi, il testo ricco di musicalità e onomatopee e le brevi storie, semplici e rassicuranti, la collana dei Bohemini è irresistibile per i piccoli, dai 18 mesi o anche prima, perfetta per appassionarli alla lettura.
Dopo Lupo Baldo, il nostro preferito è Lindo Porcello. Li ho descritti tutti e due qui.


Caterina e l'orso, a zonzo per il mondo


Ci sono libri che si leggono, altri che si cantano. Questo è un libro che si cammina, si corre, si rotola. Un libro da leggere e da giocare, che diventa una lettura "fisica" in cui lasciarsi trascinare, perfetta per quei bambini che non stanno troppo fermi da ascoltare, dai 18 mesi in su. Ne ho parlato qui.


Da due anni 


Orso, buco!
Irrinunciabile nella biblioteca di un duenne. Orso, buco! ha animali, onomatopee, azioni semplici e ripetitive, piccole sorprese buffe che catturano qualsiasi piccolo lettore. In più, azioni, luoghi e personaggi sono rappresentati da semplici forme, per sviluppare e consolidare la capacità simbolica del bambino, come ho spiegato meglio qui.

Cappuccetto Rosso

Qual è il momento giusto per avvicinarsi alle fiabe classiche? Non c'è una risposta univoca, ma se volete raccontarle ai bimbi da due anni, iniziate con queste meravigliose versioni di Attilio: minimali, ma molto espressive, sintetiche ma senza penalizzare la storia originale.
Ne ho parlato qui.

Il Libro Cane
Incredibile libro interattivo in cui ogni pagina è un gioco.
Il libro suggerisce alcune azioni da fare (accarezzare il cane, lanciargli la pallina, ecc.), si gira pagina, e il cane risponde all'azione.
Divertente e curatissimo nella grafica, è il modo perfetto per far scoprire ai bambini la magia dei libri. E se vi piace, ci sono anche Il libro gatto e Il libro criceto.
Io ne avevo parlato qui e anche qui.
Si può leggere dai due anni, ma anche a quattro continua a piacere.


Buongiorno dottore
Dalla premiatissima coppia di autori Escoffier-Maudet, una storia breve e divertente, con alcuni dettagli da scoprire lettura dopo lettura.
C'è un dottore che visita tutti gli animali, finché arriva il lupo che... non ve lo dico.
Vi dico solo che la carrellata di animali, lo scambio di battute semplice e veloce, i disegni netti e coloratissimi e l'originalità della storia fanno di questo libro (così come di Buongiorno postino) uno dei preferiti di tutti i bimbi, dai due anni, anche fino a quattro. Il libro è anche cartonato: potete lasciarlo tranquillamente nelle loro mani.
E se volete saperne di più, ne avevo parlato qui.
PS: Esiste anche Buongiorno pompiere, ma manca ancora alla nostra collezione.


Il piccolissimo bruco Maisazio

Oppure la sua versione più grande Il piccolo bruco Maisazio (ma io consiglio il tascabile, che è cartonato), oppure come il nostro, in lingua originale per imparare l'inglese: The very hungry caterpillar. Un grande classico per la prima infanzia, dai due ai tre anni; una storia semplice che affascina e aiuta a imparare i giorni della settimana, i nomi dei cibi, i colori, oltre ovviamente al fatto che i bruchi diventano farfalle.
Qui il mio post.


A caccia dell'Orso
Lui, unico e inimitabile, così amato che l'ho comprato anche in inglese. A caccia dell'Orso cattura i bambini con le rime, una canzoncina (ricordatevi: la filastrocca che si ripete non va letta, ma cantata! Cercate qualche riferimento su YouTube o inventate una melodia), un meccanismo che si ripete e che i bimbi possono anticipare, una serie di onomatopee tutte da recitare e una storia semplice e divertente: praticamente tutti gli ingredienti migliori per un buon libro per bambini.
Inizierete a leggerlo a due anni e continuerete per sempre.
Ne avevo parlato qui.

Oh no, George!

Oh no, George! è stato il primo libro che ha fatto dire al Piccolo T "Ancora!" (per almeno 10 volte in una sera), e per questo ci sono particolarmente affezionata.
In più: ci sono le illustrazioni ironiche e originalissime di Chris Haughton, c'è un meccanismo ripetitivo che piace tanto ai bambini, c'è un finale sospeso che lascia spazio al dialogo col bimbo e all'immaginazione. E soprattutto c'è un protagonista che, come tutti i bimbi, ci prova a fare il bravo ma a volte proprio non ci riesce. Immedesimazione garantita, divertimento anche, dai due ai quattro anni.
Ne avevo parlato qui.


Chi mi ha rubato il naso?

Coloratissimo, divertente da leggere, curioso con figure semplici e accattivanti, tanti animali e un pizzico di ironia. Chi è stato a rubare il naso all'elefante? E poi, lo avete mai visto un baobab con la proboscide? Preparatevi a ridere (e a una sorpresa finale).
Lo consiglierei dai due ai tre anni, ma il Piccolo T (quasi cinque) ancora adesso se lo sfoglia da solo, ogni tanto.

Ne avevo parlato qui.

Posso guardare nel tuo pannolino?

Non esiste un libro magico per togliere il pannolino, ma per affrontare l'argomento questo può essere un aiuto. I bimbi si divertiranno ad aprire i pannolini dei vari animali sollevando le alette, per scoprire insieme a Topotto le forme delle loro cacche. Alla fine, tutti sul vasino! Magari anche il bimbo che ha ascoltato il libro. Perfetto per l'età dello spannolinamento, dai due ai tre anni.
Ne avevo parlato qui.

Il libro bianco
Ancora un titolo di Minibombo, per un libro senza parole che lascia uno straordinario spazio alla fantasia. Pagina dopo pagina, un bimbo colora la superficie bianca del libro scoprendo ogni volta degli animali nuovi: anche il bambino (dai due ai tre anni) potrà seguire col dito il rullo, indovinare il prossimo animale, costruire la sua storia.
Del libro bianco c'è anche una splendida app: avevo parlato di entrambi qui.

Amico ragnolo
(nella foto, l'edizione vecchia, con la copertina diversa da quella attuale)
Una deliziosa storia di amicizia tra un papero e un ragno. Semplice semplice, dolce, divertente e delicata, con due protagonisti dalle espressioni irresistibili. Adatta dai due ai quattro anni.
Ne avevo parlato qui.

Per sempre...

Come tanti libri di Emma Dodd, più che una storia è una dichiarazione d'amore. Pagina dopo pagina, l'orso grande (mamma o papà? il libro non lo dice) racconta al suo piccolo quanto è importante per lui. Così lo potrete dire anche voi, mentre leggete, senza l'imbarazzo tutto adulto di dover tirare fuori le parole da soli. Adatto dai due ai tre anni, o anche un po' di più, nei momenti in cui c'è bisogno di coccole.
Insieme al libro precedente, ne ho parlato qui.


Aiuto, arriva il lupo!
Un libro interattivo, per esorcizzare la paura del lupo giocando con lui. Pagina dopo pagina, il libro chiede di compiere certe azioni (inclinarlo, capovolgerlo, scuoterlo) per cacciare via un lupo che si sta avvicinando. Un modo giocoso per avvicinare alla lettura anche i bimbi più restii.
Da tre a quattro-cinque anni.
Ne ho parlato qui insieme a tanti altri lupi divertenti.

Io vado!
Qui si parla di indipendenza, di crescita. Si parla di come la famiglia e gli amici diano a ogni bimbo gli strumenti per cavarsela da solo. E soprattutto si parla... di un uccellino che si siede sul vasino.
Dolce, divertente, con tutte le caratteristiche per piacere ai bambini (le figure semplici, le azioni ripetute, la struttura ad accumulo), Io vado è perfetto per introdurre l'argomento "vasino", ma anche solo per leggerlo infinite volte con il vostro bimbo, dai due anni. Qualche dettaglio in più, qui.


Chi me l'ha fatta in testa? 
Un grande classico, irresistibile per i bambini dai due ai sei anni (il lessico curato e l'attenzione "scientifica" alla cacca lo rendono apprezzato per molti anni): la storia della piccola talpa che si ritrova con una cacca in testa e inizia a indagare per scoprire chi è stato a farla, scoprendo tutte le varietà scatologiche degli animali che la circondano. Ne ho parlato qui.

Pop mangia tutti i colori
Un modo divertente di approcciarsi ai colori, con le avventure di un tenero e curioso dinosauro che, da bianco, diventa del colore di tutte le cose che mangia. Ne ho parlato qui.


Tararì tararera
Un libro sorprendente, scritto in una lingua inedita, fatta di onomatopee, che aiuta adulti e bambini a trovare un nuovo modo di entrare in relazione e comunicare. Un'esperienza da condividere. Ne ho parlato qui.


Le mutande di Orso Bianco
Sarà che le mutande fanno sempre ridere, sarà che ci si mettono di mezzo anche le finestrelle sulle pagine, gli indovinelli per scoprire di che animale si sta parlando, sarà l'equivoco che viene svelato alla fine, ma Le mutande di orso bianco è veramente irresistibile! Ne ho parlato qui.

Da tre anni


Abbaia, George 

Inizio con uno dei miei preferiti in assoluto, uno degli albi più divertenti che abbia mai letto.
È la storia di un cagnolino che non vuole saperne di abbaiare e fa invece mille altri versi, finché il veterinario non gli tira fuori dalla bocca tutti gli animali di cui fa il verso. Irresistibile per la sua struttura ripetitiva che aiuterà i bambini ad anticipare la storia, per i versi e la mimica che si possono usare leggendo, per il finale a sorpresa.
Iniziate a leggerlo a tre anni, vi divertirà anche a quaranta. ;)
Ne avevo parlato qui.

Tutti in coda

Un libro incredibile, unico nel suo genere, originalissimo e apprezzatissimo dai bambini.
Cinquanta animali messi in fila uno dietro l'altro per aspettare di poter salire su una balena. Come si fa a leggerlo? Me lo sono chiesto anch'io, la prima volta. Poi ho scoperto la sua magia.
E ne ho parlato qui.
(proponetelo da tre a quattro anni.)

Un mammut nel frigorifero

Un inno alla fantasia, un invito a credere alle creature della nostra immaginazione e a conservare un posto per loro accanto a noi. Ma anche una storia avventurosa che coinvolge i bambini ed entra nei loro cuori. Una bella storia da leggere da tre a sei anni.
Ne ho parlato qui.


La strega Rossella

Una strega vola sulla sua scopa e durante il viaggio perde alcuni oggetti e trova molti amici.
È una storia in rima ricca di situazioni che si ripetono, di personaggi buffi, di avventura e di valori come l'amicizia e la solidarietà. Insomma: un piccolo capolavoro, come tutti i libri di Julia Donaldson e Axel Scheffler, adatto da tre a sei anni.
Ne avevo parlato qui.

Prosciutto e uova verdi

Folle, assurdo, nonsense eppure irresistibile. Un dialogo incalzante, tutto in rima, tra due personaggi, uno che offre insistentemente  all'altro "prosciutto e uova verdi", l'altro che rifiuta, finché li assaggia e scopre che li adora ("Mai dire 'non mi piace' senza assaggiare": è una regola anche a casa vostra?).
Un libro che diventa un tormentone, da imparare a memoria, per bimbi da tre a cinque anni.
Ne avevo parlato qui.

Nero-Coniglio 
Qui si parla di paure, di conoscere se stessi, di qualcosa che è parte di noi e fuori di noi al tempo stesso: la nostra ombra. E lo si fa nel modo più coinvolgente per i bambini: con avventura, divertimento e un pizzico di suspance, raccontando la storia di un coniglietto che un giorno vede la propria ombra e, credendola un coniglio gigante, ne ha paura.
Se volete sapere il resto, il post originale era qui.
Una storia da raccontare da tre a sei anni.

Una zuppa di sasso
Cucinare insieme, vedere il cibo come un momento di condivisione, scoprire che le cuccellose sono più buone se mangiate insieme: Una zuppa di sasso trasmette tutti questi valori, con un linguaggio semplice fatto di animali, dialoghi brevi e una storia un po' misteriosa. Lo trovate con la copertina rigida oppure nell'edizione da viaggio con copertina flessibile.
E potete anche scaricare il gioco da tavolo che ho creato (e leggere il resto della recensione) qui.
Leggetelo da tre anni e se potete non smettete mai.


Roarrr! Ruggiti pericolosi

Lo sapete che se non ci si lava i denti l'alito diventa così cattivo che i tuoi amici scappano appena provi a parlare? È quello che succede a Rupert, un leone che non poteva più ruggire, finché non ha imparato a usare spazzolino e dentifricio. Un ottimo regalo per i bimbi che non hanno tanta voglia di lavarsi i denti. Divertente da tre a sei anni.
Ne ho parlato qui.

Tu (non) sei piccolo

La relatività spiegata ai bambini. Senza formule alla Einstein ma con due mostriciattoli, uno grande e uno piccolo, entrambi convinti di essere normali (è l'altro ad essere troppo piccolo/troppo grande), che scoprono l'esistenza di altri mostriciattoli ancora più grandi e ancora più piccoli.
Il libro perfetto per l'arrivo di un fratellino, quel passaggio ricco di emozioni in cui si diventa "il grande" pur restando piccolo, come ho spiegato qui.
Adatto per bimbi da tre a sei anni.

Indovina quanto bene ti voglio
Papà leprotto e il suo piccolo fanno a gara a chi vuole più bene all'altro: come l'apertura delle braccia, come il salto più alto possibile, eccetera. Un libro da regalare ai bambini (da tre a cinque anni) o ai papà, per esprimere un affetto smisurato. Esiste anche in versione pop-upcon DVD.
Ne ho parlato qui.

Il mostro peloso

Una principessa coraggiosa, impertinente, che sconfigge un mostro con la sua dialettica, rispondendogli letteralmente per le rime e prendendolo in giro per tutti i suoi peli. Attenzione: provoca risate irresistibili.
Per bimbi da tre a sette anni e più.
Ne ho parlato qui insieme al suo sequel, Il ritorno del mostro peloso.

Ai draghi non piace piccante

Non chiedetemi perché, ma questo è uno tra i miei albi preferiti. Forse per il suo essere un po' nonsense, o forse perché amo sia i draghi che i tacos. Il libro parla, appunto, della passione dei draghi per i tacos, e spiega come organizzare una taco-festa per draghi. Solo che poi, se per sbaglio si usa la salsa piccante... scopritelo e amerete questo libro anche voi.
Ne ho parlato qui (dove parlo anche del gioco da tavolo a base di tacos che ho inventato e che è ancora tra i nostri preferiti).
Adatto dai tre ai sei anni.

Indovina che cosa succede

Una proposta originale, per bimbi curiosi e un po' investigatori: è un silent book, un libro senza parole. In tutto il libro si vedono solo delle orme, e da quelle si può ricostruire tutta la storia dei protagonisti (che vedremo solo alla fine). Dai tre ai sei anni.
Ne ho parlato qui.

Ti mangio!
Il preferito del Piccolo T: è l'avventura di una bambina che salva il fratello, inghiottito da un mostro, che viene inghiottito da un altro mostro, che viene inghiottito da un altro mostro...
Splendide illustrazioni con tanti particolari da scoprire, mostri dai nomi buffissimi, tanta azione e un rassicurante lieto fine. A casa nostra questo libro è il campione indiscusso di "Me lo rileggi, mamma?". Dai tre anni, ma divertente anche per la lettura autonoma dei bimbi più grandi.
Ne avevo parlato qui.

Chi ha il coraggio?

Una galleria di bestie orrende e spaventose (ma buffissime), che si stagliano colorate sulle pagine nere, anticipate da un indovinello, per giocare mentre si legge e fare a gara a chi è il più coraggioso.
Adatto dai tre ai cinque anni
Ne ho parlato qui.

A che piano va?

Il protagonista è... un ascensore. Che trasporta da un piano all'altro i buffi inquilini di un palazzo.
Una simpatica rassegna di personaggi e quella cabina che attrae magicamente tutti i bambini sono gli ingredienti che fanno di questo libro un successo, per bimbi dai tre anni, ma anche per le prime letture autonome (il libro è in stampatello).
Ne ho parlato qui.

Il signor Tigre si scatena
Un inno alla libertà e al voler essere se stessi. La storia semplice e simbolica di una tigre stufa di giacca, cravatta e bon ton, che ritrova la via della selva, per poi tornare in città con una consapevolezza nuova. Bello dai 3 anni in su, anche per le prime letture autonome. Ne avevo parlato qui.

Gli Ughi e la maglia nuova
Con Gli Ughi e la maglia nuova Oliver Jeffers ci racconta una storia di omologazione e identità, di affermazion e della propria personalità, di essere diversi o essere uguali. Ma soprattutto, ci fa divertire con dei personaggi teneri e buffi e con una storia semplice e spiazzante (sì: io adoro gli Ughi!). Da tre a sei-sette anni, anche per una lettura autonoma. Ne ho parlato qui (e ho ricostruito gli Ughi con le sorpresine Kinder).


Rocco il gatto - Guarda le mie scarpe bianche
Un personaggio imperturbabile, e per questo simpaticissimo. Adora le sue scarpe bianche, ma anche quando le macchia con altri colori, continua a cantare la sua canzone e ad essere felice.
"Perché non importa di che colore sono le tue scarpe, quello che conta è andare avanti."
Un invito a cogliere sempre il bello della vita, ma anche una scusa per imparare un po' di inglese, cantando la canzoncina di Rocco.
Qui la mia recensione.


Sono io il più forte!
Il primo, e a mio parere anche il più bello, della fantastica trilogia di lupi di Mario Ramos, che comprende anche Sono io il più bello! e Il più furbo.
Un albo divertente e coinvolgente, con una struttura ricorsiva e un protagonista che conquista i bambini facendoli ridere per la sua superbia. E anche tante citazioni di fiabe classiche, attraverso i personaggi che il lupo incontra. Un libro da leggere e mimare, imitando il vocione del lupo borioso che alla fine si farà piccolo piccolo per la paura.
Ne ho parlato qui insieme a una rassegna di altri meravigliosi e originalissimi lupi.
"Da tre a 99 anni", come scrivono su certi giochi in scatola.

Quando sarò grande
Già, perché il lupo è stato anche un piccolo cucciolo che giocava al parco. Peccato che Cappuccetto Rosso e i tre porcellini lo trattassero così male. Sarà per questo che ora che è grande cerca sempre di mangiarli? Un originale "prequel" delle fiabe classiche che prova a dare una sua buffa interpretazione al ruolo del lupo. Da tre a sei anni.
Ne ho parlato qui, insieme a tanti altri simpatici lupi di Babalibri.


Un lupetto ben educato
Un delizioso piccolo lupo che va a caccia per mangiare, ma lascia sempre alle sue vittime un ultimo desiderio prima di mangiarle, perché mamma e papà gli hanno insegnato così.
Gli animali catturati, poco lealmente, cercano di imbrogliarlo, ma alla fine la buona educazione vince sempre, anche in modi inaspettati. Da tre anni in su: anche crescendo resta una bella storia.
Anche di questo lupacchiotto ho parlato qui, insieme agli altri lupi Babalibri.


Questo libro fa di tutto

Un libro in cui il libro è protagonista, nella sua materialità. Un albo sperimentale, che stimola il pensiero laterale e aiuta a giocare con le pagine e la copertina, ma soprattutto fa ridere tanto tanto.
Ne ho parlato qui.


Cosa fanno i dinosauri quando è ora di dormire?
Una carrellata di dinosauri che fanno i capricci con i loro genitori (umani) proprio come bambini.
Un testo in rima che racconta scene di vita quotidana che i bimbi conoscono benissimo. Scopritelo qui. (Ci sono anche gli altri libri della serie, tra cui Cosa fanno i dinosauri quando hanno il raffreddore?, di cui ho parlato qui).


Il grosso brutto dinosauro
La storia di un bambino che riesce ad "ammansire" un grosso dinosauro. Un albo pieno di azione, di vocine di bimbo e vocione di dinosauro, per rendere ancora più accattivante la lettura. Ne ho parlato qui.

Tutti insieme 
Un libro da "attraversare", scoprendo lalogica degli insiemi ma anche le relazioni tra le cose. Perché il tutto è sempre maggiore della somma delle sue parti. Scopritelo meglio qui.


Per favore signor Panda

Un libro che "insegna" le buone maniere, ma prima di tutto un libro divertente, con un protagonista irresistibile e una struttura narrativa perfetta per catturare l'attenzione dei bambini.
Ne ho parlato qui.


Il libro senza figure

Un meta-libro che mette a nudo il tacito patto tra testo e lettore, svelando i meccanismi della lettura ad alta voce. Il lettore deve dire tutto quello che c'è scritto sul libro, questa è la regola: ma che accade se il testo del libro si prende gioco di lui. Il risultato è tutto da ridere, per bimbi dai 3 ai 6 anni e più. Scopritelo qui.

Un piccolo cappuccetto rosso
Dimenticate la piccola sprovveduta bambina che si perde nel bosco. Quando incontra il lupo, il piccolo cappuccetto rosso  non si fa perdere d'animo e gli risponde a tono. Un libro brevissimo, da leggere a due voci (o una voce che ne imita due), per un effetto esilarante. Per imparare la forza della ribellione, da tre a sei anni. Ne ho parlato (con una riflessione sui libri "per bambine") qui.

A taaavola!

Cosa succede se un bimbo fa i capricci per mangiare e la mamma chiama il lupo? E se anche il lupo si mette a fare i capricci? Una storia assurda, irresistibile, che i bimbi impareranno a memoria. Per sdrammatizzare sulle difficoltà con il cibo e ridere, tantissimo. Con tutta la genialità della coppia Escoffier-Maudet. Qui la mia recensione.


Buonanotte! 

Un orso che vuole dormire, un'anatra che non vuole saperne di stare ferma e zitta e cerca in tutti i modi di coinvolgerlo in qualsiasi attività pur di non annoiarvi. Vi ricorda qualcosa? Due protagonisti a contrasto, le splendide illustrazioni di Benji Davies e una storia irresistibile, per ironizzare sulla vostra mancanza di sonno e l'iperattività dei vostri bimbi. Ne ho parlato qui.

Da quattro-cinque anni


Il libro pop-up degli animali

Per i bimbi curiosi sugli animali e le loro caratteristiche: tante pagine con diverse animazioni pop-up per imparare chi sono gli animali del mare e quelli della savana, oppure quali sono i record "bestiali" o ancora, gli animali più e meno pelosi del mondo. Perché sollevare un'aletta e soprire una figura è sempre una gioia per tutti i bambini.
Da quattro a sette-otto anni (lo scoprirò quando il Piccolo T ci arriverà!).
Ne ho parlato qui.

Ravanello cosa fai?
Attraverso le istruzioni per piantare e far crescere un ravanello, si parla di attesa, di verdura, del mondo del giardino e dell'orto, con tanti racconti per aspettare che il tempo passi e il ravanello germogli. Adatto dai 4 anni e poi per i piccoli sperimentatori e coltivatori di tutte le scuole primarie.
Ne ho parlato qui.

Mario pinguino temerario

Riuscirà Mario con le sue strabilianti invenzioni a raggiungere i suoi amici all'iceberg numero nove, o dovrà ammettere finalmente che ha paura dell'acqua? Un libro allegro e divertente, scritto con la tecnica del fumetto, pieno di azione e con qualche tormentone da imparare a memoria, che parla di paura, coraggio e solidarietà.
Una storia che diverte dai quattro ai sei-sette anni, forse più.
Ne ho parlato qui.

 Il cavaliere Panciaterra

Un albo ricchissimo. Ricco di messaggi (l'invito alla lentezza, alla gentilezza, alla pace), ricco di ironia, ricco di dettagli nelle illustrazioni, ricco di citazioni "colte" che piaceranno anche ai genitori. Insomma: leggetelo, come si suol dire, da cinque a novantanove anni.
Ne ho parlato qui.

Mini. Il mondo invisibile dei microbi
Come spiegare il mondo dei microbi a un bambino? Con semplicità, chiarezza, molti esempi e un po' di poesia. Per mamme e bimbi un po' scienziati  Ne ho parlato qui.

S.O.S. Missione salvataggio!
L'ultimo gioiellino (anzi, gioiellone) pop-up di Editoriale Scienza. Un regalo fantastico per i bambini che amano i pompieri, l'avventura, i soccorsi e scoprire come funzionano le cose (voi conoscete qualche bambino che NON ami queste cose?).
Tutti i dettagli qui.


Tutta colpa... della pupù! 

Divertentissima storia di un camaleonte e di un paio di mutande che mutande non sono. Gli equivoci, la pupù e un improbabile supereroe finale lo rendono un libro tutto da ridere, adatto dai quattro ai sei-sette anni. Ne avevo parlato qui, dove ho raccontato l'organizzazione di una festa a tema supereroi.

I Cinque Malfatti

Un inno alla resilienza, all'autostima, all'accettazione dei propri difetti, ma anche una storia su come l'amicizia vinca sempre su tutto. Un albo profondo e leggero al tempo stesso, con cinque simpatici protagonisti e una storia da cui imparare tanto, da proporre da quattro anni in su (in fondo anche a un adulto fa bene scoprire che essere malfatti non è poi così male). Ne ho parlato qui.

Gli Sporcelli

Il nostro primo libro "da grandi"! Brutti, sporchi e cattivi, gli Sporcelli sono un divertentissimo primo approccio alla lettura a puntate. Strutturati con capitoli brevi e con una storia coinvolgente, sono perfetti come libro di passaggio dall'albo illustrato al romanzo. Ideali per chi odia il politically correct. Perfetti dai cinque anni in su (e come lettura indipendente, appena il bambino sarà in grando di affrontarla).
Ne ho parlato qui.


Il mio pianeta. Acqua e Il mio pianeta. Vento
Due albi multidisciplinari, ricchi di attività, esperimenti, spunti e informazioni, che approcciano gli elementi acqua e vento da tanti punti di vista: fisica, storia, geografia, biologia e perfino letteratura.
Per scoprire che imparare può essere molto divertente. Da cinque a otto anni, forse di più.
Ne ho parlato qui e qui.


La casetta segreta sull'albero

Un inno alla fantasia e alla voglia di giocare. Un libro in cui l'immaginazione della protagonista diventa immagine sotto i nostri occhi. Soprattutto, un libro che parla di amore fraterno tra due sorelle, con i contrasti inevitabili ma l'infinito affetto che ha la meglio su tutto. Perfetto da regalare a chi ha una sorellina, da 5 anni in su.
Ne ho parlato qui.

 Dimodoché
Può un libro sulle ruspe essere anche divertente, curioso e perfino un po' poetico? Sì, se lo scrive Gek Tessaro. La sua Piccola Ruspa fa riscoprire anche agli adulti l'entusiasmo delle piccole cose.
Scopritelo nel mio post.


Tanti e diversi 

La biodiversità, tra scienza e poesia: le tante specie che abitano la Terra, la loro interconnessione, quello che possiamo fare per proteggere il nostro pianeta e la sua vita.
Un albo divulgativo e interessante, di Editoriale Scienza, adatto da 4 anni in su. Ne ho parlato qui.


Orsetto il terribile

Irresistibile, ironico, ma anche dolcissimo. Il personaggio di Orsetto il terribile fa ridere, grazie al contrasto tra un'immagine tenera e indifesa e la sua nomea di "terrore dei boschi". Ma aiuta anche a parlare di bullismo, e ci insegna che a volte basta un po' di amore a risolvere tutto.
Adatto dai quattro anni. Ne ho parlato qui.


Filo magico 
Una favola che scalda il cuore, fatta di buoni sentimenti ma mai banale, grazie all'ironia delle immagini di Jon Klassen e alle parole mai retoriche di Mac Barnett. Cosa fareste se aveste a disposizione un filo di lana colorato che non finisce mai? Ve l'ho raccontato qui.


Il cantiere

Non solo un libro, ma un vero e proprio scenario in 3d da assemblare, per giocare a costruire una scuola, mentre si scoprono leggendo tutti i ruoli e le fasi di lavoro di un vero cantiere. Date un'occhiata qui.


Pastelli ribelli

Un albo "epistolare", originalissimo, con la scrittura fresca e coinvolgente di Drew Daywalt e la matita irresistibile di Oliver Jeffers. Perché, come ogni bambino sa, ogni oggetto quotidiano può diventare il protagonista di una storia. Dai 4 anni in su, anche molto in su. Scopritelo meglio qui.


Sam e Dave scavano una buca

Surreale, intelligente, divertentissimo, con un raffinato meccanismo di comicità e le illustrazioni ironiche ed espressive di Jon Klassen. La storia di due ragazzi che cercano qualcosa di straordinario e lo trovano (anche se non è quello che ci si aspettava). er chi non si accontenta della solita storia, da 4 anni a... be', a me piace tantissimo anche se ne ho qualcuno in più. Ne ho parlato qui.


Roar! come diventare un leone 
Un divertente corso in sette passi su come diventare un leone, immedesimandosi nel protagonista e imparando che è davvero forte solo chi aiuta gli altri. Scopritelo nella mia recensione.


Rosso 
La perfetta metafora di come l'etichetta sbagliata possa condizionare l'esistenza di una persona. Un libro che parla di pregiudizi e di ricerca della propria identità, raccontato con humour e leggerezza attraverso la storia di un pastello blu che ha scritto "rosso" sulla sua etichetta. Ne ho parlato qui.

Super P
Quando si parla di pipì, c'è sempre da ridere. Soprattutto se il protagonista è un supereroe, e la pipì è il suo superpotere. Un libro per ridere e per... imparare a prendere la mira. Dai 4 ai 6-7 anni. Ne ho parlato qui.


Il domatore di foglie
Un libro poetico (ma con un tocco di ironia) che parla di natura, di autunno, di indipendenza e di spirito di iniziativa. La storia del "domatore di foglie" e delle foglie che imparano a staccarsi dall'albero anche senza la sua guida, dando vita all'autunno. Ne ho parlato qui.

Io fuori io dentro

Non sempre alle emozioni si può dare un nome, a volte però si possono associare a una situazione, a un'immagine, a una sensazione. Questo albo ci insegna ad esprimere anche senza parlare, a riconoscere le emozioni più forti, a capire che tutti le proviamo. Un originale esercizio di introspezione sotto forma di immagini. Ne ho parlato qui.

Da sei anni


Corso d'arte

Un invito a sperimentare tecniche, stili e strumenti, nozioni sul colore e proposte di attività, con tanti inserti interattivi, per piccoli artisti dai sei anni in su, che vogliono migliorare nel disegno e in ogni manifestazione artistica.
Ne ho parlato qui e qui.

Mappe 

Ogni libro è un viaggio, è vero, ma questo è un viaggio nel viaggio.
67 meravigliose mappe illustrate, per "visitare" gli stati del mondo scoprendone curiosità, record, monumenti, usi e costumi. Un capolavoro per chiunque ami viaggiare, anche solo con la fantasia.
Ne ho parlato qui.


Cosa dovrei dire io?  Perfetto come prima lettura autonoma grazie al font Leggimiprima, parla di bullismo e autostima in modo leggero, divertente e per nulla didattico. Ne ho parlato qui.


Che sport, lo sport!
Simpatico, leggero, istruttivo, perfetto come prima lettura autonoma (in stampatello minuscolo, con font ad alta leggibilità), è una carrellata di (quasi) tutti gli sport, presentati in veste ironica con brevi testi e illustrazioni accattivanti. Da farsi leggere dai 4 anni o da leggere da soli a partire da 6. Qui la mia recensione.


Non ho fatto i compiti perché...

Il momento dei compiti si trasforma in un'incredibile avventura della fantasia, un questo albo divertente e surreale, che presenta una carrellata di scuse (con finale a sorpresa) per sdrammatizzare il momento dei compiti. Dai sei anni, per tutte le scuole primarie. La mia recensione qui.


La maialina, la bicicletta e la luna
Per le prime letture autonome (il libro è in stampatello, in font ad alta leggibilità), la storia semplice, tenera e divertente di una maialina che con tenacia impara ad andare in bicicletta.
Qui la mia recensione.

Dalla testa ai piedi. Sopra sotto dentro fuori il corpo umano.

Un manuale di anatomia tutto particolare, perché non è solo un manuale, ma anche un racconto, e anche un incanto per gli occhi, grazie alle illustrazioni di Gek Tessaro e alla scrittura frizzante di Andrea Valente.
Scopritelo meglio qui.

Perché noi Boffi siamo così?

Si può raccontare il principio dell'evoluzione in modo semplice e divertente? Basta raccontare la storia dei Boffi, curiosi animali di un pianeta sconosciuto, che sono come sono grazie alla selezione naturale. Disegni colorati e un testo in rima per spiegare un concetto difficile in modo leggero. Ne ho parlato qui.


Da sette anni


Il super libro degli scienziati in erba
140 incredibili pagine di osservazioni, esperimenti, attività, per scoprire le leggi della natura e tutti i rami della scienza. Perché divertirsi è il miglior modo di imparare. Leggete di più (anche sui nostri esperimenti) qui.


Il trattamento ridarelli
Sorprendente, esilarante, incredibile: un libro la cui storia si svolge tutta nell'intervallo di tempo in cui una scarpa sta per pestare una cacca di cane su un marciapiede. Roddy Doyle riesce a rendere avvincente un'azione così semplice, con personaggi strampalati, soluzioni narrative originali e un pizzico di nonsense. Scopritelo meglio nel mio post.

Voglio anch'io 

Un lessico ricercato e protagonisti un po' naif per la storia di una cornecchietta che vorrebbe essere cicogna. Un'avventura strampalata e divertente, a capitoli, scritta da Gek Tessaro. Scopritela qui.

Voglio fare l'artista 

Un libro-gioco per scoprire le professioni della musica, del teatro, dell'arte e mettersi alla prova con tanti materiali da scoprire. Ne ho parlato qui.


Trecentosessantacinque pinguini

La matematica diventa divertente se si intreccia in un racconto bizzarro in cui contare, sfamare, sistemare e accatastare 365 pinguini.
Un libro da farsi leggere già dai quattro-cinque anni, ma che si apprezza pienamente da sette anni, quando il bambino sa fare i calcoli in autonomia. Qui la mia recensione.


Il ladro di panini

Un giallo a fumetti ambientato a scuola: chi ruba i panini dal cestino del pranzo del piccolo Marin?
Investigazioni, humour, ritmo e suspense per una quasi-graphic novel adattissima alle prime letture.
Ne ho parlato qui.

Da otto anni


Costellazioni. Le stelle che disegnano il cielo

Un albo che unisce curiosità scientifica e mitologia, con affascinanti illustrazioni oniriche e un'accurata opera divulgativa, per tutti gli appassionati della sfera celeste. Ne ho parlato qui.


Il violino di Auschwitz
La storia vera, ma bella e intensa come una favola, di un violino e della sua proprietaria, deportata ad Auschwitz. Un modo intenso, coinvolgente, ma anche originale di introdurre questo tema ai bambini.
Ne ho parlato qui.

Un libro per la mamma.


Mammalingua. Ventuno filastrocche per neonati e per la voce delle mamme
Anche di questo non ho ancora parlato nel blog, ma l'ho citato annunciando la nascita del Piccolo D.
Mammalingua, di Tognolini, è una raccolta di poesie per le neomamme e i loro cuccioli. Le sue parole hanno l'odore, il sapore, la morbidezza e persino il sonno dei primi giorni di vita di un bimbo, quando il rapporto mamma-figlio è ancora in qualche modo primordiale, animalesco, e il loro legame fortissimo.
È un libro da leggere nei primi giorni di vita, quando al bimbo non interessa altro che la voce della mamma. E la mamma, statene certi, si commuoverà di fronte a parole che sembrano parlare proprio di lei.
Regalatelo a un'amica incinta o mamma da pochissimo.


E un libro per il papà (adottivo).

Un bimbo mi aspetta
Se il papà non è un papà qualunque, ma il super papà di un bimbo adottato, non potete perdervi Un bimbo mi aspetta, il dolce e commovente diario di un'adozione raccontato dalla voce di un papà che aspetta la sua bimba. O meglio: un papà che sa che una bimba lo aspetta.
Il rovesciamento di prospettiva porta una luce nuova sul significato dell'adozione, e il libro racconta il percorso adottivo dei genitori come fosse la ricerca per individuare, tra i miliardi di persone nel mondo, proprio quella bambina nata per diventare la loro figlia.
Scopritelo meglio nella mia recensione.


Ed ora, il riepilogone finale.

Dai primi mesi ai due anni:

                                                  

Dai due anni:

                                                     


Dai tre anni:

                                                           
         

Da quattro-cinque anni:

                                                 

Dai sei anni:

             

Da sette anni:

         

Da otto anni:


Un libro per la mamma:


E uno per il papà (adottivo):

Flickr Images