La zuppa più buona del mondo.

Se c'è una cosa in cui mi sento molto italiana (non è che succeda spesso, di questi tempi) è la mia idea del pasto come momento di scambio, di amore, di convivialità.
E guarda un po' chi va a scrivere il più bell'albo illustrato per bambini su questo tema: una francese (la Gioconda non vi bastava, eh?).
Ma che importa: Una zuppa di sasso è talmente bello che potrei quasi smettere di prendere in giro i francesi per quella faccenda del bidet. Mi è piaciuto così tanto che ho voluto accostarlo a un'altra delle mie passioni: quella per i giochi da tavolo.



Ma andiamo con ordine.
Una zuppa di sasso racconta la storia di un lupo che una sera bussa alla porta di una gallina. Potete immaginare le sue intenzioni, vero? E invece no: il lupo vuole soltanto cucinare insieme a lei una zuppa di sasso.



La gallina, che nelle zuppe è abituata a metterci il sedano, chiede se può aggiungerlo, e il lupo acconsente.
Pian piano, si avvicinano altri animali (un maiale, un cane, un cavallo...), preoccupati perché hanno visto il lupo entrare nella casa della gallina. Tutti finiscono coinvolti nella preparazione di questa grande cena: ognuno porta il proprio ingrediente preferito, così la zuppa, che inizialmente doveva essere di solo sasso, prende man mano tutti i sapori dei diversi personaggi che hanno contribuito a crearla.
E tutti cenano allegramente, godendosi il pasto che hanno preparato insieme, chiacchierando e scoprendo quanto è bello passare il tempo tra amici.

Poi il lupo se ne va. Tornerà? Probabilmente no, dice il libro, e l'ultima immagine ci svela il perché: ci sono sempre nuovi personaggi a cui insegnare le sue ricette; quella della zuppa, e quella di una perfetta serata in compagnia.

Quello che ho amato di questo libro, oltre al tema, è stato il modo di affrontarlo, perfetto per i bambini (il gradimento del Piccolo T lo conferma).
La "morale" sarebbe potuta essere più esplicita, o raccontata in modo didascalico, con pedanteria, invece emerge da sola da una storia curiosa, con protagonisti che fanno sempre breccia nel cuore e nella fantasia (gli animali, e soprattutto il lupo), simpatici equivoci (la gallina che si spaventa quando il lupo le chiede una pentola) e gesti semplici, che rendono la narrazione alla portata di tutti.

Insomma, volevo che di questo libro, preso in prestito in biblioteca, ci restasse qualcosa in più di un bel ricordo, e così ho inventato

il gioco della zuppa di sasso.

 

Anzi, per l'esattezza di giochi ne ho inventati due. Perché se di primo acchito mi è venuta in mente una dinamica tradizionale, poi ho pensato che, visto il libro a cui era ispirato, sarebbe stato più corretto creare un gioco cooperativo (se non sapete di cosa si tratta, ci arriviamo più tardi).

In ogni caso, in questo pdf stampabile li trovate tutti e due, così potrete decidere quale preferite.


Il pdf stampabile contiene:
  • la plancia di gioco
  • 21 tessere ingredienti, ovvero 3 set completi dei 7 ingredienti (sasso, acqua, porro, cavolo, rapa, zucchina, sedano)
  • 7 tessere-ore
  • 2 pentole
  • il quadrante di un orologio
  • 2 segnalini (lupo e gallina).
Costruire il gioco è semplice; dopo aver stampato tutto dovrete solo:
  • incollare i vari pezzi su cartoncino e ritagliarli,
  • eventualmente, prima di ritagliarli, "plastificarli" ricoprendoli con del nastro adesivo trasparente alto,
  • completare l'orologio aggiungendo una sola lancetta di cartoncino da fermare al centro con un fermacampioni,
  • procurarvi un dado da gioco. 

GIOCO TRADIZIONALE

Per due persone.
Si usano tutte le tessere ingrediente, ma non l'orologio e le tessere-ore.  Le tessere vanno distribuite, coperte e in modo casuale, sulle caselle della plancia di gioco.
Ogni giocatore ha una pentola con le sette caselle da riempire.



I giocatori posizionano i propri segnalini sulla casella "partenza". A turno tirano il dado e muovono il proprio segnalino nella direzione desiderata per tante caselle quanti sono i punti del dado.

Sì, si può cambiare direzione a ogni turno (muovendosi ad esempio una volta in senso orario e una volta in senso antiorario).
Sì, si può ripassare ed eventualmente sostare sulla casella "partenza" (su quest'ultimo punto il Piccolo T non era molto convinto, me lo ha chiesto più volte).

Quando si finisce su una casella coperta da una tessera, si gira la tessera:
  • se la tessera contiene un ingrediente che manca, lo si aggiunge nella propria pentola,
  • se la tessera contiene un ingrediente già presente nella propria pentola, lo si lascia, girato stavolta a faccia in su, sulla casella dove lo si è trovato.

Vince chi per primo completa la propria pentola con tutti i sette ingredienti.


GIOCO COOPERATIVO

Prima di tutto: lo sapete cos'è un gioco cooperativo? È un gioco in cui non si gareggia uno contro l'altro, ma tutti insieme per uno scopo comune. O vincono tutti, o perdono tutti. Al di là dell'aspetto educativo della cosa (imparare il senso della cooperazione), non vi sembra perfetto per un libro così?

Per due persone.
Si usano due set da sette tessere ingrediente (dovranno esserci due ingredienti per ogni tipo) più le tessere-ore, ma una sola pentola.  Le tessere vanno sempre distribuite, coperte e in modo casuale, sulle caselle della plancia di gioco.
L'orologio va puntato sulle 12 (mezzogiorno).


Scopo del gioco è finire di preparare la zuppa prima che arrivi mezzanotte, per avere il tempo di mangiarla in compagnia prima di tornare a casa.

Ogni giocatore a turno lancia il dado e muove il suo segnalino come nel gioco precedente (spostandosi di tante caselle quanti sono i punti del dado, scegliendo a ogni turno la direzione preferita, passando se necessario anche sulla casella "partenza").

Quando si finisce su una casella coperta da una tessera, si gira la tessera:
  • se la tessera contiene un ingrediente che manca, lo si aggiunge alla pentola,
  • se la tessera contiene un ingrediente già presente nella pentola, si scarta la tessera.
  • se la tessera contiene un numero e il segno dell'orologio, di manda avanti l'orologio di tante ore quante ne indica il numero.
Si vince se si riescono a raccogliere tutti gli ingredienti della zuppa di sasso prima che l'orologio torni sulle 12.

Il Piccolo T, amante delle sfide (soprattutto quando le vince lui!), preferiva inizialmente la versione tradizionale, ma provandolo più volte, si è appassionato anche al gioco cooperativo.

Mi ha solo imposto una modifica:
"Mamma, e l'acqua?"
Già: io avevo omesso l'acqua (e avevo aggiunto, come vedete dalle foto, una patata, che nel libro non c'è, ma in una zuppa ci sta sempre bene).
"Non si può fare la zuppa senza acqua! La aggiungi, mamma?"
Ha ragione lui: la trovate nel pdf.

You Might Also Like

3 commenti

  1. Adoriamo questo libro e i giochi che proponi sono proprio belli! Me li salvo e li propongo alle bimbe di certo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fammi sapere se anche a loro sono piaciuti! :)

      Elimina
  2. Wow! Ma questo gioco è una meraviglia! Mi sa tanto che alle prossime vacanze italiane comprerò il libro per una delle nostre letture bilingui... Sei una fonte inesauribile di idee!

    RispondiElimina

Flickr Images