La tentazione è forte: di fronte a una difficoltà dei bambini (con i compiti, i vestiti, le attese) prorompere con un "quando ero piccolo io...". Uno strumento prezioso, da maneggiare con cura, perché passare da un racconto curioso sulla propria infanzia alla vanagloria è un attimo.
Il rischio è anche quello di dipingere un mondo così lontano da quello presente che i nostri figli non riescano a riconoscercisi. E se vale per noi, pensate quanto può essere vero per i racconti, ancora più remoti, dei nonni.

i nonni migliori nonni del mondo

I nonni migliori del mondo, di Jan Paul Schutten, illustrato da Kees de Boer (traduzione di Laura Pignatti), edito da Sinnos, ironizza su questo divario generazionale, e anche sul vizio delle vecchie generazioni di esagerare le proprie difficoltà.

Il protagonista, Dirk,

ha tre nonni, che vivono tutti insieme nella stessa casa.

Verrebbe da chiedersi il perché, come facciano i nonni ad essere tre (Dirk ha forse una famiglia allargata?), ma il dubbio svanisce subito, perché I nonni migliori del mondo lascia poco spazio alla razionalità e molto all'iperbole.

i nonni migliori del mondo

Ospite dai nonni, Dirk deve andare a scuola, così i nonni gli costruiscono una bicicletta. Ma il bambino osa lamentarsi: la bici ha le gomme sgonfie ed è tutta storta.

i nonni migliori nonni del mondo

Ed è qui che inizia un'esilarante escalation in cui i tre nonni fanno a gara a chi la racconta più grossa.
Dirk non si deve lamentare, perché ai suoi tempi il nonno Diederik aveva una bici con le gomme bucate.

Al che interviene nonno Roderik: lui, le gomme, nemmeno le aveva, perché le sue ruote erano di legno.
Il racconto si dipana in questo modo, con una formula che si ripete per accumulo: ogni volta un nonno dice all'altro "Tu eri fortunato, perché io, invece...".
Così, pagina dopo pagina e ricordo dopo ricordo, la bicicletta dei nonni perde le ruote, i pedali, il sellino, mentre la strada per la scuola diventa sempre più lunga e impervia: montagne da scalare, lavori da svolgere prima di scuola, gocce di pioggia grosse come meloni.

i nonni migliori nonni del mondo

Il resoconto di queste avventure, sempre più incredibili, incanta Dirk, che rischia di fare tardi a scuola. Ma per fortuna, il bambino conosce una scorciatoia, che ci verrà mostrata nelle ultime pagine del libro, senza parole, e sarà non meno rocambolesca del racconto dei nonni.

Di piccolo formato, adatto anche ai viaggi, I nonni migliori del mondo è perfetto per le prime letture autonome, grazie al font ad alta leggibilità, ma soprattutto per il suo contenuto che non annoia mai.

I due autori olandesi sono riusciti a costruire un libro dal ritmo incalzante e dalle trovate incredibili, con dialoghi ben caratterizzati che danno espressività al testo, e immagini come vignette satiriche, che danno forma alle fantasie dei nonni negli occhi di Dirk.

Un libro per ridere insieme delle esagerazioni che naturalmente nascono nei ricordi, ma anche e soprattutto un libro per ridere e basta.


Nessun commento:

Posta un commento