Le carte giuste per insegnare

 Abbiamo sognato tutti di avere "quel" maestro, vero?

Quello stile "Attimo fuggente", che non si limita a darti nozioni ma ti offre qualcosa di più, una nuova visione della vita e di te stesso.

Joker
L'americana Susie Morgenstern ce ne presenta uno nel suo Joker, un racconto per primi lettori, dai 9 anni circa (serve un po' di dimestichezza con le dinamiche della scuola e con l'introspezione, e va tenuto conto che a un certo punto si parla di "fare l'amore", anche se per l'appunto se ne parla e basta), edito da Biancoenero Edizioni nella collana Zoom, stampata con font e impaginazione ad alta leggibilità.

Joker
 
All'ultimo anno della primaria, i bambini si trovano ad affrontare un nuovo maestro, ma non è come se lo aspettano: è grigio, pieno di rughe, ha un'aria strana.
Le illustrazioni di Giulio Castagnaro, essenziali nei tratti e nei colori, contribuiscono a farlo sembrare diverso, come distaccato dal resto del mondo.

Prima ancora di presentarsi, il maestro Biago regala a ogni bambino un mazzo di carte speciali: sono dei "jolly", e ogni jolly è un lasciapassare per una libertà inaspettata: c'è il jolly per non andare a scuola, quello per ballare in classe, per non ascoltare la lezione.

Inizialmente increduli, i bambini imparano pian piano ad usare queste carte, ognuno a modo suo: c'è il bambino impaziente che le finisce subito, la parsimoniosa che li conserva per usarli nel momento più utile. Queste semplici carte racchiudono molte lezioni: la capacità di usare il proprio tempo e le proprie risorse, l'occasione di riflettere su molte consuetudini quotidiane date per scontate.

Ma le carte non sono il solo modo che ha il maestro Biagio per accompagnare i bambini in un percorso di autoconsapevolezza: ci sono le letture, la sfida a non guardare la tv, la "cassetta delle discussioni" da affrontare in classe.

Joker
 
Questi suoi metodi così poco ortodossi, come ci si potrebbe facilmente attendere, non sono visti di buon occhio dalla preside, e anche se il maestro Biagio prova a sua volta a "usare un jolly" per non affrontarla, dovrà alla fine rendere conto delle proprie scelte, compiute in un sistema che ancora non è pronto.

Joker
 
Il protagonista di Joker è il prototipo di un insegnante che educa nel senso etimologico del termine, che non trasmette passivamente nozioni ma stimola il ragionamento indipendente, la consapevolezza di sé, e sa anche mostrare la strada verso la felicità di stare al mondo.

È il maestro che tutti avremmo voluto. Quello che vorrei, oggi, per i miei figli.
E chissà che, leggendo, non possano scoprire che la scuola non serve a dare voti, ma a far crescere esseri umani.
 

Un Jolly per...


L'idea delle carte, in ogni caso, è troppo ghiotta per lasciarla tra le pagine di un libro.
Quanti jolly potete inventare per i vostri bambini? E quanti per voi, da usare con loro?

Joker
 
Ogni jolly potrà essere usato contro di voi, questo sia chiaro.
Ma non è detto che sia sempre un male.


0 commenti