Leggeri come ippopotami.

Se fossero state scritte in questo decennio, le avventure di George e Martha sarebbero state probabilmente raccontate come un inno alla body positivity.

 george e martha

Sì, perché i due strabordanti ippopotami protagonisti di queste deliziose storie illustrate dimostrano un'invidiabile autostima, tanto che lui è convinto di poter volare in mongolfiera e lei passa la giornata a rimirarsi allo specchio e interpreta una leggiadra farfalla in uno spettacolo di danza.

Ma no, non si tratta (per fortuna) di racconti mirati a lanciare qualche messaggio di questo tipo: i due irresistibili protagonisti nati dalla matita dell'americano James Marshall tra gli anni Settanta e Ottanta ci coinvolgono in avventure spensierate, allegre, dall'umorismo arguto ma mai sopra le righe.

È come sempre splendida l'operazione editoriale di Lupoguido, che ha portato in Italia, con la traduzione d'autore di Segio Ruzzier, una raccolta di quattro dei sette volumi originali (George e Martha, George e Martha ancora!, George e Martha sorgi e splendi, George e Martha una bella giornata), in un'edizione dalla copertina rigida che rende onore alla preziosità dell'opera e che raccoglie anche una prefazione scritta da Maurice Sendak, grande estimatore di questa serie, per la raccolta completa uscita negli Stati Uniti nel 1997 (niente paura: Lupoguido porterà in Italia anche gli episodi mancanti).

Lo splendido volume segnala con una pagina colorata e una "copertina" interna il passaggio da uno dei volumi originali all'altro, ma le storie si leggono tranquillamente una di seguito all'altra, senza avvertire passaggi significativi tra le parti.

george e martha

George e Martha è composto da tante storielle illustrate brevi, brevissime, potrebbero sembrare delle vignette con un po' di trama in più. A sinistra il testo, narrato da un punto di vista esterno e imparziale, che non si lascia andare a commenti o interpretazioni, a destra l'immagine riquadrata, che ci mostra i due buffi ippopotami, che in pochi tratti di matita sanno comunicare un'incredibile varietà di espressioni.

george e martha

Placidi e positivi, George e Martha affrontano la vita quotidiana e qualche piccola avventura in più. Più ingenuo lui, più smaliziata lei, con le sue meravigliose gonnellone colorate, sono amici per la pelle (ma leggendo del loro rapporto, viene da sperare che tra loro nasca qualcosa in più).
I due si stuzzicano, si fanno dispetti, ma si supportano a vicenda nelle difficoltà e sono capaci di mentire per non mortificare l'altro, quando serve.

Ogni episodio è introdotto da una tavola dedicata al titolo, che sembra quasi il cartello iniziale di una sit com (in effetti George e Martha è diventata anche una serie animata). Anche il ritmo è quello di una serie di brevi sketch che si susseguono, lasciando molti spazi vuoti che il piccolo lettore impara gradualmente a colmare: a volte è la battuta umoristica che deve essere compresa, a volte il testo va integrato con l'immagine per coglierne il senso, altre volte ancora bisogna leggere tra le righe l'intenzione di un gesto.

Le storie, solari, ariose e scanzonate, non sono dunque mai "facili" e scontate, ma attivano sempre quel pensiero in più, che permette al bambino di partecipare attivamente alla costruzione del senso e, alla fine, di godersi meglio la lettura.

0 commenti