Bestia che pacchetti (parte 2).

Lo ammetto: spesso perdo più tempo a fare un pacchetto che a scegliere un regalo.
Sarà che, quando regalo libri per bambini, vado a botta sicura con la mia lista di imperdibili, o sarà che nessuno dei miei pacchetti è uguale agli altri?

Se mi seguite da un po' ve lo ricorderete: mi piace creare pacchetti che sembrino personaggi, o che contengano già un gioco ancora prima di aprirli.

E più di ogni altra cosa, mi piace costruire pacchetti che danno già un indizio sul loro contenuto. soprattutto quando dentro ci sono dei libri, come nel caso dei pacchetti bestiali del gatto e del leone.

Ma riuscite a indovinare che libri contengono questi?




No, non ci sono premi in palio per chi indovina, quindi vi svelo subito la soluzione.



Di Il libro cane vi avevo già parlato qui.
È un libro interattivo, l'ideale per far scoprire e amare i libri anche a chi è più restio. Funziona come un'app, solo che ci devi mettere la fantasia, e quindi è ancora più magico.
Come in un'app, tocchi e succede qualcosa: lanci la palla, giri la pagina e il cane è scomparso per andare a prenderla, gli accarezzi il pelo e nella pagina successiva dorme.
È un po' la rivincita dell'immaginazione sulla tecnologia. 



E poi c'è Il libro criceto, un altro delizioso libro gioco di Minibombo, che stavolta ha per protagonista il piccolo roditore, da accarezzare e nutrire con i semi.
 
Della stessa serie, anche Il libro gatto, che avevo "impacchettato" la volta scorsa.

Preparare i pacchi è semplicissimo: basta della carta da pacchi bianca o marrone, del cartoncino colorato da cui ricavare zampette, orecchie, nasi, code e denti e un pennarello nero per i dettagli.
Potete anche usare gli occhietti mobili, per rendere il pacchetto ancora più vivo.

E se li piazzate sotto l'albero, perché non aggiungere un po' di magia, spostandoli ogni tanto o piazzando un osso rubato sotto la bocca del pacchetto-cane, o qualche semino sotto il pacchetto-criceto?
A Natale, tutto è possibile.

A proposito: buone Feste a tutti! Ci risentiamo nel 2017.


     

You Might Also Like

0 commenti

Flickr Images