Manzo, pollo, suino e... mammut?


Aprite il frigorifero. Sì, anche se siete a dieta.
Cosa vedete? Latte, formaggio, carne, affettati (la Nutella no, mi raccomando! Metterla in frigo è un delitto contro l'umanità!).
E se ci fosse anche un mammut?
Lo so, la cosa è piuttosto surreale, per questo amo questa storia.
Ma chissà se l'avrei mai scoperta, se non me ne avesse parlato la mia amica Isabella.
Ah, a proposito: questo progetto è tutto suo, io non ho fatto niente!
Ma mi è piaciuto così tanto che le ho chiesto di poterlo ospitare sul mio blog.

Dunque, iniziamo dal libro: si chiama Un mammut nel frigorifero ed è semplice, agile e divertente. Ma soprattutto, è un inno alla fantasia.
Inizia così: con un bambino che trova un mammut nel suo frigo e chiama il papà. E il papà chiama i pompieri. Ma il mammut scappa su un albero e chi lo prende più.
Già qui la storia avrebbe molti elementi per far impazzire i bimbi (l'animale curioso, la scena buffa del mammut chiuso nel frigo, il "neee-nooo" della sirena dei pompieri), ma è il finale, almeno per me, l'aspetto più bello.
Arriva la notte, e la sorellina del bambino si avvicina all'albero, chiama giù il mammut offrendogli delle carote e se lo porta in camera, raccomandandogli di stare più attento per non farsi beccare.
Già, perché la bimba, nella sua cameretta, nasconde lui, ma anche un unicorno, un drago e un grande mostro peloso!
Amici immaginari?
Segreti che solo una bambina può tenere?
In ogni caso, un invito a non smettere mai di sognare e di credere alle favole.
Sì, perché un mammut può entrare in casa da un momento all'altro, se ci credi. Forse non un mammut in carne ed ossa, è vero, ma in carta e peli di spago sì. Ecco come ha fatto l'amica Isabella, con i suoi due bimbi, a ricostruirlo:
Per prima cosa, ha disegnato (ricalcando, vero? O sei così brava a disegnare, Isa?) su un cartoncino il mammut e la sagoma di tanti alimenti diversi da mettere in frigo. Ah, e anche il frigo, naturalmente.

Per creare i ripiani, ha ritagliato da una bustina portadocumenti la plastichina trasparente, e l'ha fissata al frigo con del nastro biadesivo.
Poi ha armato i bimbi di pennarelli perché colorassero frutta, verdura e barattoli vari.
E i peli del mammut? Pezzetti di spago da incollare con la colla vinilica. Un altro ottimo modo di tenere impegnati i bimbi per un po'.
Ecco fatto: un bel frigorifero in cui infilare, una volta ritagliati, tutti gli alimenti appena colorati, e da cui, all'improvviso, far uscire lui: il pauroso, gigantesco, preistorico mammut da appartamento.



You Might Also Like

0 commenti

Flickr Images