Qual è la vostra routine prima della nanna?
Da noi dopo cena c'è un cartone, poi ci si mette il pigiama, si va in bagno e si lavano i denti. Un paio di albi al Piccolo D e un paio di capitoli di qualche libro al Piccolo T, poi si spegne la luce (e a quel punto Piccolo D e Piccolo T iniziano a parlare di Pokemon, ma questa è un'altra storia).


Uno dei nostri libri preferiti per la nanna in questi ultimi giorni è Buonanotte signor Panda, di Steve Anthony, edito da Zoolibri, in cui ritroviamo gli irresistibili protagonisti che avevamo amato in Per favore signor Panda (qui la mia recensione).


Anche in questo albo, il signor Panda si confronta con altri animali. Tutti stanno per andare a letto e passano a dargli la buonanotte, mentre il Panda si sta preparando.
Tutti, però, hanno dimenticato qualcosa, e il Panda non manca di ricordarglielo: c'è chi non ha lavato i denti, chi non si è lavato, chi non ha messo il pigiama. Ma nessuno sembra curarsene; nessuno, tranne il lemure, che ad ogni doppia pagina sbuca da qualche parte per far vedere al Panda che lui, a differenza degli altri, ha ricordato tutto.


L'espressione tra l'indifferente e il rassegnato del Panda fa da contrasto con i sorrisi entusiasti del lemure per arricchire una lettura fatta di botta-e-risposta e delle voci diverse di tutti gli animali.

Buonanotte signor Panda sfrutta pienamente la ricchezza della lettura ad alta voce offrendo molteplici possibilità di cambiare timbro vocale ed espressione: è un libro che diverte e si lascia godere, offrendo anche ai bambini l'appiglio rassicurante di una routine a loro familiare, come quella della preparazione per la nanna.

E i vari "buonanotte" ad ognuno degli animali aiutano ad accompagnare i bambini al sonno.


Alla fine sarà proprio il Panda ad aver dimenticato qualcosa, e il lemure glielo ricorderà: non si va mai a dormire senza un abbraccio della buonanotte.


Buonanotte signor Panda è perfetto per la lettura dai 3 anni, proprio nella fase in cui i bambini iniziano ad acquisire indipendenza nelle proprie routine, imparando gradualmente a vestirsi e prepararsi da soli.

Per aiutarli, può essere utile costruire una tabella delle routine del risveglio e pre-nanna, da appendere da qualche parte.
Per una versione base, basterà un cartoncino e un pennarello per disegnare, ma potete anche creare una tabella fatta a finestrelle da chiudere ogni volta che uno dei compiti è stato svolto.


Per chiudere le finestrelle, potete applicare del nastro adesivo magnetico sulla parte principale e  delle graffette alle bande di cartoncino che si aprono (fate prima delle prove di tenuta con diverse graffette. Quelle non rivestite ovviamente tengono di più).
Una buona alternativa, se il cartoncino è resistente, è usare delle striscette di velcro.


E anche se non li inserite nella tabella delle routine, non dimenticatevi mai gli abbracci della buonanotte.


   

Nessun commento:

Posta un commento